Seconda sconfitta stagionale per la Cestistica , nuovamente tra le mura amiche. Ad espugnare la “Sogliuzzo” con un’incredibile rimonta è stata l’AICS Basket Caserta che, prima di questa vittoria aveva raccolto i due punti soltanto una volta nelle precedenti quattro giornate. Grande il rammarico per i gialloblu, perché se è vero che pesa l’assenza di Andrea Buono (infortunato) e la condizione fisica non ottimale di diversi giocatori, è vero anche che la partita è stata letteralmente buttata “a mare” visto il + 13 all’intervallo. Infatti, nei primi due periodi, i ragazzi di coach Russelli sono stati bravi soprattutto in contropiede ed in difesa. Il primo quarto si è chiuso sul 21-14, da segnalare la presenza in quintetto di Mario Castaldo. Nella ripresa i gialloblu hanno proseguito la strada intrapresa nei primi 10’, continuando a condurre la gara senza troppi problemi. All’intervallo lungo il 39-26 lasciava ben sperare, ma la seconda metà di gara è stata un vero e proprio suicido per Russelli e compagni. Troppe le iniziative personali, poca rotazione della palla e soprattutto eccessiva la convinzione di aver già portato a casa la vittoria. Tutto ciò ha influito sull’impensabile rimonta dei casertani, frutto di un parziale di 22-10 devastante nel terzo periodo. Negli ultimi 10’ Caserta ha persino completato la rimonta e dato vita all’incredibile sorpasso. A nulla sono valsi i tentativi degli ischitani di riagguantare la gara, anche perché gli ospiti hanno avuto la capacità di non sbagliare i canestri decisivi nei momenti cruciali del finale. Ragion per cui la Cestistica si è dovuta arrendere al definitivo 69-77 che ha lasciato indubbiamente l’amaro in bocca. Gli isolani avranno subito l’occasione di rifarsi, nonostante il match non sia dei più semplici, in quel di Pozzuoli contro il Flavio Basket. Poi sabato si ritornerà alla “Sogliuzzo”, sull’isola sbarcherà la Virtus Scafati. Queste le parole di coach Russelli dopo la sconfitta di sabato: “Purtroppo non è stata la nostra serata migliore, ma il campionato è lungo e mercoledì abbiamo la possibilità di rifarci. Siamo una squadra che deve crescere ancora tanto, soprattutto in termini di lettura del gioco e di personalità”.

Condividi sui social: